Associazione Paguro
via Marmarica, 23
48023 Marina di Ravenna - RA
tel. e fax: +39 0544 531140
posta elettronica paguro@racine.ra.it

 
         
 

pagina principale

l'esplosione

le coordinate

il relitto

il reef

zona di tutela biologica

i soci

gli accompagnatori subacquei

come fare per immergersi

modulistica disponibile

la legislazione

le fotografie dell'epoca

le fotografie subacquee

la vita sul relitto

la ricerca

ultime dall'Associazione...

english version

crediti

   

L'ESPLOSIONE DEL PAGURO

La piattaforma Paguro, varata nel 1963 a Porto Corsini, nel settembre 1965 doveva perforare il pozzo PC7 per raggiungere un giacimento a circa 2900 metri di profondità.

Purtroppo, oltre a quello la trivella intaccò un secondo giacimento, che conteneva gas a pressione elevatissima.

Furono subito attivate le misure di sicurezza, ma dopo poco le pareti del pozzo cedettero e sprigionarono un’eruzione non controllabile.

29 settembre 1965: il Paguro affonda

Il Paguro fu travolto, si incendiò. Nell’incidente persero la vita tre tecnici dell’Agip: Pietro Peri, Arturo Biagini e Bernardo Gervasoni.

29 settembre 1965: il Paguro affonda

Il pulviscolo di acqua e gas, che raggiunge i 30 metri di altezza, bruciò per quasi tre mesi, fino a quando l’Agip, con un pozzo deviato, riuscì a cementare il PC7. L’esplosione creò un cratere centrale profondo 33 metri.

29 settembre 1965: il Paguro affonda


Nel disegno lo schema di affondamento della piattaforma Paguro
schema di affondamento della piattaforma Paguro
disegno di F. Rambelli

e lo schema di chiusura del pozzo PC7 con un pozzo deviato
schema di chiusura del pozzo PC7 con uno deviato
disegno di F. Rambelli